In Viaggio tra i Filari nella Valle del Belìce – Gibellina

Gibellina, in questo viaggio, ha rappresentato l’epicentro di tutto. Proviamo ad andare con ordine. Il terremoto del 1968 ha avuto come epicentro la località San Vito tra Poggioreale, Salaparuta e appunto Gibellina. Di quella Gibellina in realtà non rimane più nulla. Ciò che oggi noi identifichiamo come paese di Gibellina è stato ricostruito in un territorio poco distante dall’originale. In questi cinquant’anni la lungimiranza di un uomo, l’allora sindaco di Gibellina Ludovico Corrao ha cercato di sostenere l’economia di Gibellina chiamando durante la ricostruzione, l’opera di tanti artisti affinché potessero con le loro opere e istallazioni artistiche, richiamare l’attenzione.

Ciò che si osserva oggi nella nuova Gibellina è qualcosa di surreale. In un paese di nuova concezione ricostruita in maniera posticcia utilizzando materiali e architettura post terremoto, quindi cemento e tanto cemento, affiorano di tanto in tanto delle vere e proprie opere d’arti tra i vicoli e le strade del paese. Il tutto tra un miscuglio di decadenza e post modernismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *